Consulenza legale – Avv. Francesca Arusa


HAI BISOGNO DI AIUTO PER UNA PERSONA ANZIANA O DISABILE?

LA LEGGE TI METTE A DISPOSIZIONE IL VALIDO STRUMENTO DELL’AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO


L’istituto dell’amministrazione di sostegno è una figura giuridica istituita dall’ordinamento con la Legge n.6/2004 per quei soggetti che, per effetto di un’infermità o di una menomazione fisica o psichica, si trovano nell’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, perché privo in tutto o in parte di autonomia: (anziani, disabili, tossicodipendenti, alcoldipendenti, malati terminali e detenuti).

La ratio dell’istituto è quella di tutelare la gestione patrimoniale di soggetti deboli ovvero di quelle persone che in un determinato momento della propria vita siano impossibilitate a provvedere alle proprie necessità.

Chi può chidere l’ADS?

  • lo stesso beneficiario (anche se minore, interdetto o inabilitato);
  • Il coniuge;
  • la persona stabilmente convivente;
  • i parenti entro il 4° grado: genitori, figli, fratelli o sorelle, nonni, zii, prozii, nipoti e cugini;
  • gli affini entro il 2°grado: cognati, suoceri, generi, nuore;
  • il pubblico ministero;
  • il tutore o il curatore.

MA NON SOLO

L’Avvocatessa Francesca Arusa sarà gratuitamente a disposizione di Soci e Cittadini per offrire consulenza e orientamento su questioni legali ed in particolare per quanto attiene problematiche inerenti:

  • controversie relative a tutela del consumatore;
  • tutela delle persone fragili (minori, amministrandi, interdizioni);
  • fine locazione (sfratti);
  • rapporti condominiali;
  • obbligazioni contrattuali;
  • diritto di famiglia: separazioni, divorzi, tutela minori;
  • rapporti assicurativi (sinistri);
  • risarcimento danni;
  • diritto del lavoro;
  • ricorsi in materia di sanzioni amministrative.

La avvocatessa sarà presente in questi orari:

  • SEDE ASCIANO – Terzo venerdì di ogni mese, dalle 17:00 alle 18:00
  • SEDE DI METATO – Quarto venerdì di ogni mese, dalle 15:30 alle 17:30

L’associazione precisa che si tratterà di rapporti privati tra il Legale e gli utenti interessati. L’associazione metterà solamente a disposizione i locali.